Aspettando i DIGITAL DAYS 2020: un piccolo esempio di come cambia il business

 

L’ intervento di Giorgio Scala ai Digital Days 2020 è un esempio di quali nuovi business, rami d’azienda e imprese possono nascere in questo momento storico

 

Se c’è una cosa che i Digital Days si apprestano a raccontarti, a partire dal 24 luglio, è che questa faccenda della resilienza non riguarda soltanto un momento di emergenza sanitaria.

La resilienza ha a che fare anche con altri due fattori fondamentali:

1) la sostenibilità dei modelli di business:

Il periodo storico che stiamo attraversando, ha dimostrato che molte delle attività svolte presso uffici e location varie possono essere spostate sui canali digitali.

Il Digital Day ne è un esempio; le prime due edizioni si sono svolte in costiera amalfitana, quest’anno andrà “in onda” online.

Anche se non rinunceremo a riproporre eventi “live”, questa modalità ha mostrato subito vantaggi evidenti.

Pensa solo a tutti gli aspetti logistici, all’organizzazione dei viaggi e dei pernotti degli ospiti, ai relativi costi per ospitarli due giorni e mezzo.

Questo periodo ci ha dimostrato che si possono trovare altri modi per fare la stessa cosa e che – tutto sommato – il mercato li recepisce.

Abbiamo imparato – se non altro – che è possibile fare entrambe le cose e che, d’ora in poi, questo aspetto non potrà più essere ignorato.

2) i nuovi standard:

Anche quando l’emergenza sanitaria sarà del tutto risolta, è difficile immaginare come l’alta marea digitale, che abbiamo visto crescere in questi mesi, possa rientrare del tutto.

Dalle survey condotte sia da noi internamente, che dal Politecnico di Milano, emerge – ad esempio – che il telelavoro potrebbe diventare un nuovo standard, e non più soltanto una modalità di collaborazione dettata dalle circostanze sanitarie o da opportunità di risparmio.

Perché abbiamo visto che è possibile, vantaggioso. Possiamo creare nuovi sistemi e procedure, alternando giornate lavorate da casa e giornate trascorse in ufficio.

Come cambia, ad esempio, la formazione: nuovi modelli di business, nuovi servizi e nuove possibilità di fare impresa

 

 Giorgio Scala parteciperà come relatore ai Digital Days e con la Fondazione Saccone si occupa di formazione professionale.

Quel genere di formazione che, da sempre, si fa nelle aule e che ha effetto su temi complessi, come quelli dei crediti formativi e della formazione obbligatoria.

Giorgio ti parlerà non solo delle decisioni che ha dovuto prendere con uno schiocco di dita nei mesi scorsi, non solo di come la digitalizzazione cambia il modo di formare i professionisti, ma di come – questo nuovo scenario – rappresenti una possibilità per la nascita di nuove aziende e di nuovi servizi.

Durante il briefing che abbiamo avuto con lui, in preparazione del suo intervento, è emersa la possibilità di costruire nuove società e progettare nuovi modelli di business al servizio della formazione professionale a distanza.

Vedremo insieme come formare dei professionisti, attraverso il digitale, sia enormemente vantaggioso da un punto di vista della scalabilità del business e dell’indotto che si può generare sullo sfondo.

È un esempio che puoi tranquillamente rapportare anche alla tua realtà, al tuo mondo ed al tuo lavoro. Anche se non ti occupi di formazione.

E che può ispirarti nello concezione e nello sviluppo di nuovi business, nuovi rami d’azienda o – perché no – a nuove imprese, capaci di dare un contributo all’economia e all’occupazione nazionale.

Perderti l’intervento di Giorgio equivale a buttare nella spazzatura una probabile “contaminazione di business” che nessun manager o imprenditore dovrebbe mai lasciare andare

 Esistono delle “contaminazioni” che non hanno niente a che vedere con il contesto sanitario, e dalle quali fuggire potrebbe rivelarsi un’occasione sprecata per te.

Parlo, ovviamente, delle contaminazioni di business e delle infinite idee che da esse possono sbocciare nella tua mente, anche se in questo momento sei circondato da preoccupazioni, brutte notizie e stati d’animo negativi, del tutto comprensibili.

L’intervento di Giorgio sarà imperdibile, così come lo saranno tutti gli altri 20 e rotti interventi previsti per i Digital Days.

Per questo motivo, ho allestito il servizio Play & Rewind, per aiutarti a non perdere nemmeno un minuto di questa manifestazione irripetibile.

“Come posso acquistare le registrazioni dell’evento?”

 In queste ore, in tantissimi mi hanno posto questa domanda.

Probabilmente ricorderai di aver letto qualcosa in proposito quando hai effettuato la registrazione per iscriverti all’evento.

Seguendo il link che trovi qui sotto, hai la possibilità di tornare alla pagina di acquisto del servizio Play & Rewind.

Una piattaforma “on demand” simile a Netflix, che ti permetterà di accedere – quando vuoi e quante volte vuoi, SENZA LIMITI DI TEMPO – a TUTTI gli interventi dei Digital Days. Oltre alla possibilità di condividere i contenuti all’esterno, con collaboratori, amici e con chi vuoi tu.

Perderti anche un solo secondo di questa 3 giorni può tradursi nella perdita di un bit, di un’idea folgorante, di una scoperta, di un nuovo punto di vista che potrebbero aiutarti a trasformare questi ultimi mesi da incubo in qualcosa di positivo dal punto di vista professionale e di business.

“Ma perché il servizio Play & Rewind è a pagamento?”

 

Voglio subito essere schietto e sincero con te.

Anche se il 100% delle persone che si sono iscritte, come te, ai Digital Days comprassero il servizio, non ci guadagnerei un euro da questa esperienza.

Se il mio intento fosse stato di natura speculativa, avrei fatto pagare a tutti “un ticket” da un centinaio di euro per iscriversi, non trovi?

Avrei incassato molto di più e senza sostenere i costi per la creazione di una piattaforma on demand per rivedere l’evento, oltre a tutte le altre spese che puoi immaginare.

Il format che ho voluto creare, insieme a tutti coloro che hanno partecipato a questa avventura – con uno studio televisivo, giornalisti accreditati, fonici e registi – è altamente professionale.

Tratto, appunto, dal mondo della televisione, più che dai “soliti” convegni online che alla fine sembrano una chiacchierata tra amici che si parlano da casa.

Tutto questo è costato – davvero – un pozzo di soldi che mai verranno recuperati vendendo l’accesso al “Play & Rewind” a qualche decina di euro; tutt’al più potrò ammortizzare un 20-25% al massimo.

Ma questi sforzi saranno totalmente vani se gli interventi preparati per te, con enormi dispendi di energie, tempo e denaro – da parte di tutti – si perderanno nell’etere.

Da qui la decisione di mettere una piccola “fee” simbolica per poter rivedere, per sempre e quante volte vuoi, ogni minuto dei Digital Days.

Ricordati (ma tanto lo sai benissimo): tutto ciò che è gratis non ha alcun valore nel business

Quante volte ti sarà capitato, nella tua vita lavorativa, di ricevere gratuitamente qualcosa.

Un servizio, una newsletter, una rivista….tutte cose che sono finite nel dimenticatoio dopo un primo sguardo distratto, e lì sono rimaste per sempre.

Ecco.

Io vorrei che di questa esperienza, nel cassetto del dimenticatoio non ci finisse NIENTE.

Stimolarti nel compiere un investimento simbolico, per accedere al Play & Rewind, è un modo per assicurarmi che tu – con calma, nel corso dei giorni, o delle settimane – riveda ogni singolo intervento, ne condivida qualche estratto con chi lavora insieme a te, ne interiorizzi i passaggi chiave.

Piuttosto, sono assolutamente disposto a ridarti indietro ogni centesimo versato, qualora i contenuti dei Digital Days si rivelassero poco interessanti per te.

Per questo motivo, se acquisti oggi l’accesso alla piattaforma Play & Rewind, hai un diritto di recesso illimitato, che potrai usare quando vuoi, anche dopo aver visto tutti gli interventi.

Non metterei una clausola del genere se volessi guadagnarci, o se non fossi – al tempo stesso – sicuro dei benefici che ne potrai trarre.

In questo modo, anche dopo l’acquisto – sarà comunque chiaro per te che le possibilità sono 2:

1) o i contenuti dei Digital Days ti lasciano realmente qualcosa che può aiutarti a scalare le marce della tua vita lavorativa, trasformando l’incubo di questi mesi in uno slancio per il futuro…

2) oppure per te il servizio è gratis, perché se non si rivela davvero utile, sono disposto a restituirti ogni centesimo. Basta scrivere una e-mail a info@savinosolution.com con oggetto “diritto di recesso servizio Play & Rewind”, inserendo nel corpo dell’e-mail il tuo nome, cognome e l’e-mail con cui hai effettuato l’iscrizione ai Digital Days.

Entro due giorni lavorativi ricevi l’accredito corrispondente alla somma che hai versato per l’acquisto, senza eccezioni, senza cose scritte in piccolo con gli asterischi, senza se e ma.

Però fai attenzione, perché mano a mano che passano i giorni l’accesso al servizio aumenta di prezzo, perché credo sia sempre giusto premiare chi ti dà la fiducia per primo.

Per accedere alla pagina del servizio Play & Rewind e acquistarlo al prezzo più basso, segui il link qui sotto e acquista in modo sicuro tramite paypal o carte di credito; per qualsiasi esigenza in merito, hai a disposizione una chat in tempo reale con l’assistenza:

Vai alla pagina di acquisto

Segui questo link per assicurarti subito il servizio Play&Rewind

Che il Digitale sia con te!

Nicola Savino

Presidente del Centro di Competenze Digitali

Direttore dell’Accademia Italiana della Digitalizzazione